Lavoro sociale, conflitto e violenza: come uscirne vivi (possibilmente …)

Riviste – Ultimi numeri
8 Luglio 2020

Lavoro sociale, conflitto e violenza: come uscirne vivi (possibilmente …)

PER SVELARE L’ICEBERG DEL CONFLITTO: 25 ORE DI FORMAZIONE DOVE SARETE PROTAGONISTI DI UN VIAGGIO INDIMENTICABILE FINO AGLI ABISSI..

Quanti e quali sono i conflitti presenti nel lavoro sociale e sanitario? Quanto è diffusa la violenza nei confronti degli operatori sociali e sanitari? Quali le possibili cause? Com’è possibile cogliere i primi segnali di rischio? Come prevenirli?

Il percorso formativo si propone di individuare strategie per la gestione alternativa dei conflitti nel lavoro sociale con riferimenti specifici al Codice deontologico degli Assistenti Sociali e al vademecum “Indicazioni e strumenti per prevenire e affrontare il rischio di violenza nei confronti dei professionisti dell’aiuto” diffuso dal Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali.

Il corso di formazione, diretto a assistenti sociali, educatori e personale socio-sanitario, si svolge preferibilmente in presenza presso la nostra sede di Bologna, nel rispetto delle misure mirate al contenimento della diffusione del Coronavirus.

E’ possibile partecipare online, attraverso la piattaforma ZOOM, seguendo le indicazioni che verranno inviate agli iscritti qualche giorno prima dell’inizio del corso.

Nelle precedenti edizioni, i questionari di gradimento somministrati ai partecipanti hanno registrato un giudizio eccellente sulla qualità del corso e hanno sollecitato nuove iniziative sulla mediazione dei conflitti.

PROGRAMMA DETTAGLIATO

SCHEDA DI ISCRIZIONE

Le iscrizioni sono chiuse.

Intendevi partecipare, ma non hai fatto in tempo a iscriverti? Invia una mail a fondazione@ipsser.it manifestando il desiderio che venga organizzata una nuova edizione del corso.